Home | Credits | Contattaci 
L'Iniziativa
Il Premio PoloEst
Il Programma
Le Sedi
News
Materiali
News
Tutte le News
News - Settimana Web, arrivederci al 2006


19/12/2005

Da gennaio aperte le adesioni alla settima edizione dell'iniziativa promossa dall'assessorato all'Informatica della Provincia di Venezia

E’ stata una Settimana Web davvero speciale quella voluta quest’anno dall’assessorato all’Informatica della Provincia di Venezia.
Non più sette giorni di corsi su Internet & dintorni tutti concentrati in un unico periodo, ma una settimana di attività e formazione su Internet moltiplicata per i tredici Comuni che hanno partecipato all’iniziativa: Campagna Lupia, Campolongo Maggiore, Caorle, Cavallino Treporti, Cavarzere, Fiesso d’Artico, Marcon, Meolo, Mira, Portogruaro, Venezia (con la Municipalità di Marghera ) e Vigonovo.

Dal 10 giugno al 19 dicembre 2005 il territorio provinciale si è trasformato in una totale full immersion nel mondo del computer e di Internet con incontri, riflessioni e corsi gratuiti aperti alla cittadinanza realizzata in collaborazione con Codess Cultura e il supporto di Netlife srl ed Egea Tecnologie di Mestre.

La Settimana Web 2005 ha messo in campo quasi 150 giorni di attività, 80 corsi per oltre 400 ore di formazione di base a Internet e all’uso del computer che hanno spaziato dai NonnInWeb (formazione a Internet per gli over 60) alla grafica web, da Internet per donne inoccupate ai misteri dei motori di ricerca per la scuola elementare e media e alle quali hanno partecipato un migliaio di persone.

Oltre ai corsi, la Settimana Web ha proposto un convegno nazionale (il 13 ottobre a Mira, con le migliori esperienze online delle Province italiane), seminari nelle scuole e nelle biblioteche sui rischi e le opportunità di Internet (in collaborazione con la Polizia Postale del Veneto, la biblioteca comunale di Mira e l’Istituto Andrea Gritti), incontri di approfondimento su libri dedicati al mondo web (a Caorle).

”Il web costituisce oggi uno degli strumenti principali nel cammino di avvicinamento fra istituzioni e cittadinanza”, afferma l’assessora all’Informatica della Provincia di Venezia, Lieta Smajato, “e l’utilizzo delle tecnologie della comunicazione e dell’informazione per migliorare l’efficienza e l’efficacia dei servizi pubblici, rappresenta un supporto importante per rafforzare il rapporto fra Istituzioni e cittadinanza.
La mappa delle utenze e la fiducia crescente che gli italiani, così come i veneziani, dimostrano verso l’applicazione degli strumenti tecnologici alla PA ha un andamento, nel complesso, incoraggiante che rinfranca.

Ma quanti degli internauti possono essere considerati cittadini digitali? Qual è il livello di conoscenza dei cittadini dell’offerta digitale della pubblica amministrazione? Quali sono i servizi di maggiore utilità per i cittadini? Chi trae vantaggio dalla digitalizzazione del rapporto con la PA e chi invece è escluso dal processo di modernizzazione in atto?

Le nuove tecnologie, ed in particolare il personal computer e la telematica, costituiscono ovviamente una straordinaria risorsa per il sistema Paese ma, come in ogni rivoluzione, esiste il rischio che si determini una frattura sociale, che l’analfabetismo informatico si vada a sommare ai vecchi motivi di esclusione.

Casalinghe, pensionati, persone con basso livello di reddito e scolarità, extracomunitari: le categorie da tutelare rispetto al rischio di produrre nuove forme di esclusione per vecchie categorie di esclusi, secondo i consueti argini territoriali.
La questione del digital divide è tutt’altro che superata. E’ per tutte queste ragioni che la Settimana Web continua a rappresentare per la Provincia di Venezia un appuntamento annuale importante. Per i corsi, gli incontri, le occasioni cui dà vita nel nostro territorio”.

“A conclusione della sesta edizione della Settimana Web una riflessione da fare è questa”, conclude l’assessora Smajato, “più ci si allontana dai paesi più popolati più ci si accorge che il lavoro da fare è ancora molto.
In alcune realtà le occasioni di formazione all’utilizzo di Internet sono molto poche. E queste stesse realtà, spesso, sono penalizzate anche dall’assenza di connessioni a larga banda, come l’Adsl, che rendono difficoltosa l’attività di formazione e soprattutto costosa per gli enti locali”.






Indietro


 Provincia di Venezia - Assessorato all'informatizzazione | Rete Telematica PoloEst | CODESS Cultura
Powered By Egea Tecnologie Informatiche